Corini:"Dobbiamo essere cinici e spietati, basta errori"

08.02.2021 11:05 di Redazione TL   vedi letture
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Corini:"Dobbiamo essere cinici e spietati, basta errori"

Il tecnico fa il punto prima della gara contro il Brescia, parla di rilancio e di inserimento dei nuovi un processo che va accelerato per riuscire a raggiungere certi obiettivi.

LO SPIRITO - "Abbiamo regalato punti e non possiamo più permetterci che questo accada, dobbiamo solo pensare a riprendere il nostro percorso. Quella contro il Brescia è una partita molto importante, siamo in ritardo rispetto ai primi due posti, vogliamo rilanciarci perché venerdì sera abbiamo gettato alle ortiche la gara. Servirà energia e voglia nell'impegno di martedì".

NOVITA' - "Potrei prendermi qualche ora in più per fare delle scelte, molto dipende dalle percezioni dell'allenamento di oggi. Sicuramente c'è stata grande delusione dopo la partita contro l'Ascoli. La delusione va convertita in energia. Abbiamo analizzato quella gara e la prossima come il Brescia, che contro il Cittadella ha fatto una grande gara".

ATTEGGIAMENTO - "Nelle ultime gare io non ho mai visto la squadra in particolare difficoltà, abbiamo sempre avuto carattere e valore morale, quando siamo andati sotto spesso sono stati degli episodi. Nel girone di ritorno i punti pesano di più e ogni squadra insegue il suo obiettivo. Servono tutte le caratteristiche che abbiamo ma che dobbiamo far vedere e non intravedere".

PROBLEMA VIA DEL MARE - "Chi viene qui cerca sempre il contropiede e ci lascia il pallino del gioco. In casa non abbiamo fatto bene, contro l'Ascoli eravamo partiti bene, poi il gol del pareggio ci ha destabilizzato, questo non deve accadere perché dobbiamo reggere i momenti di difficoltà, serve crescere e queste fragilità ci fanno lasciare dei punti importanti. Chi arriva qui fa spesso delle gare più speculative, dobbiamo, nei momenti importanti e decisivi essere cinici e spietati, cosa che non è accaduto contro l'Ascoli".

CRESCITA ZERO - "Venerdì mi sono preso le responsabilità perché la società mi ha messo nelle migliori condizioni per fare del mio meglio. Sono arrivati 16 giocatori nuovi di cui 5 in inverno. Ho accelerato il loro inserimento perché ho bisogno che possono entrare a far parte del gruppo quanto prima. Nella mia visione, se la squadra consolida determinati valori può lottare per i primi posti, se non sarà così ci prepareremo per l'appendice che verrà poco. Ora però pensiamo al Brescia, perché io venerdì notte non ho dormito, ho guardato la gara due volte. Il Lecce ha un valore lo sento ma deve venire fuori sempre di più".

IL BRESCIA - "Non voglio commentare le loro vicende societarie, rispetto la piazza, la società e la gente che mi ha dato tantissimo".

ASSENZE - "Dermaku, Calderoni e Listkowski non rientreranno nemmeno contro il la Cremonese. Hjulmand e Rodriguez hanno avuto delle piccole problematiche ma stiamo valutando le loro condizioni, ma stiamo cercando di capire se riusciamo a recuperarli per questa gara".

GIOCO - "Vogliamo aumentare la nostra qualità in avanti e nel possesso palla, su questo stiamo lavorando per occupare al meglio determinate zone di campo e quando forzare determinate giocate. Secondo me il sistema è quello e va calibrato sui giocatori che vanno in campo, nel corso del nostro campionato abbiamo sempre costruito e proposto con la consapevolezza che gli avversari spesso ci aspettano dietro la linea della palla con grande densità nella loro metà campo".

YALCIN E I NUOVI - "I nuovi sono entrati molto bene, come Hjulmand che ha già dimostrato. Yalcin è arrivato con una problematica legata al Covid, ha bisogno però di un percorso per trovare la migliore condizione, ora non è pronto per scendere in campo dall'inizio".