Pagelle Lecce-Salernitana: terzo pareggio di fila per i giallorossi

15.12.2020 23:21 di Francesco Salamina   Vedi letture
© foto di www.imagephotoagency.it
Pagelle Lecce-Salernitana: terzo pareggio di fila per i giallorossi

GABRIEL 6: Mai chiamato in causa durante la partita, incolpevole sul gol del vantaggio granata. 

ADJAPONG 6: Tanta corsa, ma sta sera poca qualità, sono davvero troppi gli errori nei passaggi e le palle perse, resta comunque una prestazione sufficiente.

LUCIONI 6,5: Grande partita del centrale giallorosso, che non fa vedere palla per tutta la partita alle punte avversarie.  

MECCARIELLO 6: Partita attenta per il numero 6 salentino, autore di una sola sbavatura in occasione del gol del vantaggio della Salernitana.

CALDERONI 5,5: Ancora una volta una partita nel segno dell'imprecisione, sbaglia e lavora male troppi palloni, deve e può fare molto meglio.

(dal 76') ZUTA SV

HENDERSON 6: Non una prestazione da ricordare per lo scozzese che svolge i suoi compiti senza eccellere e senza compiere eccessive sbavature.

(dall'84') FALCO SV

TACHTSIDIS 6,5: Ancora una buona partita del mediano greco che è sempre il motore del centrocampo giallorosso, è da lui che passano tutte le azioni.

LISTKOWSKI 5: Molto disattento in fase difensiva, ma la cosa più grave è certamente l'incredibile gol sbagliato a circa metà della seconda frazione. È in parte causa sua se il Lecce esce dall'Arechi con un solo punto.

(dal 76') PAGANINI SV

MANCOSU 6,5: Il migliore dei suoi, prova per tutta la partita a creare grane alla difesa avversaria, riuscendo al 53' a guadagnarsi un rigore e successivamente a trasformarlo con freddezza.

CODA 5: Brutta prestazione per il capocannoniere giallorosso che non riesce mai ad essere seriamente pericoloso per la difesa avversaria, probabilmente deve ritrovare la migliore condizione e necessita di un po' di riposo.

(dall'84') FALCO SV

PETTINARI 6: Anche lui non brilla, ma è apprezzato l'impegno con cui cerca sempre di trovare la giocata. 

(dal 64") STEPINSKI 5,5: Entra ma non incide come desiderato, non riesce anche lui come i compagni di reparto ad essere mai veramente pericoloso per gli avversari.