Corini: “Sono molto rammaricato, meritavamo di vincere”

12.12.2020 17:22 di Stefano Sozzo   Vedi letture
© foto di Daniele Buffa/Image Sport
Corini: “Sono molto rammaricato, meritavamo di vincere”

Mister Corini, al termine della partita contro il Frosinone, ha rilasciato un’intervista sui canali ufficiali della società, queste le sue dichiarazioni: 

Quanto fa rabbia veder sfuggire la vittoria a pochi minuti dalla fine?

“C’è grande rammarico. È stata una partita intensa contro una squadra forte. Avevamo la percezione di condurla in maniera positiva fino alla fine. Quel tiro sporco nella nostra area di rigore ha portato al pareggio avversario”

Cosa le è piaciuto di più e cosa meno?

“Dobbiamo fare meglio alcune cose. Non posso dire nulla dal punto di vista della voglia e dell’atteggiamento. Siamo un po’ meno brillanti nelle scelte. Mi è piaciuta la voglia di rimanere in partita e ribaltarla. Nonostante le defezioni, la squadra è riuscita a stare bene in campo e riusciva a difendere bene. Peccato perché pensavamo di farne ancora un altro. Dovevamo portarla a casa”

È stato un errore non chiudere la partita?

“Un gol di vantaggio è poco per pensare che la partita è chiusa. Se fosse stata un altro tipo di partita, in cui si subiva e basta, il pareggio sarebbe stato giusto. Noi, invece, avevamo la percezione di poterla vincere. Siamo stati in controllo e loro facevano fatica a costruire. Abbiamo creato tanto creando i presupposti per segnare ma non ci siamo riusciti”

Quanto può aver condizionato il rigore e le scelte arbitrali?

“Non mi piace parlare degli episodi arbitrali. Focalizzo la mia attenzione sul metro di giudizio e forse si poteva fare meglio. La squadra è stata brava, nella difficoltà, a mantenere la lucidità e a spingere. L’abbiamo portata dove volevamo noi fino all’89’”

Come stanno Lucioni e Dermaku?

“Lucioni sta gestendo un problema al ginocchio e durante la partita si è riacutizzato. Dermaku stava rientrando da un infortunio muscolare e sapevo che non avrebbe potuto reggere per tutta la partita, aveva i crampi e l’ho sostituito. Sono contento per come hanno approcciato i ragazzi in campo e quelli entrati dalla panchina”

Le prime otto squadra rimangono a pochi punti di distanza, cosa ne pensa?

“Ho sempre creduto che il primo step è fissato al 4 gennaio. Tra metà marzo e fine marzo si capirà la strada di una squadra. Abbiamo la consapevolezza che sarà lunga. In questo momento abbiamo continuato la striscia positiva però c’è rammarico perché meritavamo di portare i tre punti a casa”